• BLOG
  • Android: il prossimo decennio

Android: il prossimo decennio

Gennaio 15, 2019

 

 

Android: The Next Decade

In ufficio ho un piccolo museo personale sulla storia dei dispositivi mobili, dove conservo la confezione originale del primo telefono AndroidTM che venne reso disponibile negli Stati Uniti: il G1, lanciato sul mercato dieci anni fa.

Negli ultimi dieci anni Android si è imposto con forza sul mercato consumer in tutto il mondo. Il prossimo decennio sarà ancora più entusiasmante per noi, perché ora Android ha l'opportunità di catalizzare la trasformazione anche sul posto di lavoro.

Questa opportunità è sorta grazie a quattro iniziative di GoogleTM, che ne hanno creato le fondamenta.

Due iniziative hanno contribuito a standardizzare un modello di sicurezza e gestione per Android:

  • Android Enterprise (in seguito chiamato Android for Work) è stato lanciato quattro anni fa per stabilire un quadro comune di gestione dei dispositivi e delle applicazioni a livello di sistema operativo e rafforzare la sicurezza, per consentire alle aziende di distribuire e proteggere i loro servizi senza compromettere la privacy dell'utente.
  • Google Play Protect è stato lanciato nel 2017 per consentire di eseguire una scansione intelligente delle app su vasta scala e individuare i malware.

Altre due iniziative vertevano sulla standardizzazione dell'esperienza IT:

  • Android Enterprise Recommended è stato lanciato nei primi mesi del 2018 per i produttori di hardware Android per aiutare le aziende nella scelta, nell'implementazione e nella gestione dei dispositivi Android.
  • OEMConfig è stato introdotto alla fine del 2018 per consentire ai produttori di dispositivi di creare funzionalità esclusive per l'azienda, che non richiedessero al reparto IT di acquisire familiarità con nuove procedure di configurazione dell'hardware e non imponessero ai fornitori EMM (Enterprise Mobility Management) di supportare API personalizzate. (Guarda il webinar)

Questa settimana verrà lanciata una quinta iniziativa Android del tutto nuova per l'impresa: Android Enterprise Recommended for EMMs.

Questa iniziativa estende il programma Android Enterprise Recommended ai fornitori EMM, creando uno standard elevato per le funzionalità di gestione, la disponibilità di competenze su Android e l'assistenza clienti approvata da Google. 

MobileIron collaborerà al lancio
di Android Enterprise Recommended for EMMs. Questo riconoscimento conferma l'impegno di MobileIron nei confronti del successo dei suoi clienti aziendali con Android e valorizza l'esperienza e le funzionalità offerte ai clienti che utilizzano soluzioni mobili con Android Enterprise.

Il tempismo è perfetto. I clienti di MobileIron stanno chiedendo con maggiore insistenza di poter utilizzare Android sia per espandere i loro programmi BYOD che per implementare l'automazione dei flussi di lavoro trasformativi e i progetti di servizi sul campo.

Negli ultimi due anni abbiamo collaborato con Google a MobileIron Live!, la nostra conferenza mondiale per gli utenti, il cui obiettivo è quello di formare i nostri clienti sulla sicurezza, sulla gestione e sull'implementazione delle applicazioni in ambienti Android. Il sondaggio condotto dopo l'evento ha dimostrato che oltre il 60% dei partecipanti era più propenso a implementare Android in seguito a quanto appreso durante la conferenza:una chiara dimostrazione delle potenzialità e della domanda da parte dei nostri clienti di sfruttare appieno il potere di Android.

È arrivato il 2019: Android si è evoluto, Google si è impegnato a sostenere le imprese e i clienti di MobileIron hanno a cuore la trasformazione mobile dell'azienda. Benvenuti nel nuovo decennio di Android.

Ojas Rege

Ojas Rege, Direttore strategico

L’autore

Icona di Twitter

 

La visione di Ojas Rege sulla mobilità aziendale è stata riportata in articoli pubblicati da Bloomberg CIO Magazine, Financial Times, Forbes e Reuters. È stato lui a coniare il termine "Mobile First" mentre lavorava per TechCrunch nel 2007, una settimana dopo il lancio del primo iPhone, per indicare un nuovo modello IT per utenti privati e aziende. È coinventore di sei brevetti sulla mobilità, tra cui l'app store aziendale e la privacy BYOD. Ojas è anche membro dell'Istituto Ponemon che si occupa delle policy di sicurezza delle informazioni. Ha conseguito una laurea e un master in Ingegneria informatica presso il M.I.T. e un MBA a Stanford. Ojas è anche membro del Consiglio di amministrazione di Pact, un'organizzazione no profit di Oakland, in California, che offre servizi di adozione per bambini e genitori di colore.